Lifestyle & Benessere

ECZEMA di cosa si tratta?

L’eczema è a volte indicato anche come dermatite, è una condizione della pelle visibile infiammata, sensibile e pruriginosa
L’ Istituto superiore della Sanità definisce come Eczema “un termine generico usato per descrivere un gruppo di condizioni mediche che causano secchezza, discromia, prurito e infiammazione della pelle”.

Dobbiamo prestare attenzione all’organo più grande del nostro corpo che ci protegge dal calore, dalla luce, dal freddo, dalla polvere, ecc. Pertanto, il mantenimento di una pelle sana richiede una routine per proteggerci da fattori esterni o interni.

Condizioni della pelle come l’eczema possono svilupparsi a qualsiasi età per motivi genetici, ambientali, stagionali o di stile di vita. Successivamente, la sua gravità e il suo trattamento potrebbero anche variare in base alle condizioni individuali.

Inoltre, oltre alla condizione fisica, al dolore e al disagio che l’eczema provoca, anche la salute mentale ed emotiva viene disturbata, poiché lo svolgimento di attività quotidiane diventa difficile o semplicemente perchè non ci si sente a proprio agio.

Offerta di benvenuto

Ai nuovi clienti, offriamo un codice sconto del 12% sul primo ordine.
* Valido su tutti i prodotti Nordic Oil

drops
Icons/UI/fast-delivery Consegna rapida
Icons/UI/plant Creato dalla natura
Icons/UI/security Pagamento sicuro

Cerchiamo di capire brevemente i tipi comuni di eczema.

Tipi di eczema

Tipi di eczema

Secondo gli studi, alcuni dei tipi più comuni di eczema sono:

Dermatite atopica

È una patologia che comporta irritazione e prurito, generalmente accompagnati da eruzioni cutanee. Si dice anche che sia causata da un malfunzionamento del sistema immunitario e da problemi alla barriera cutanea.

Per esempio, il viso, il collo, le braccia, le braccia, le gambe, le pieghe della pelle, dietro le ginocchia e i gomiti, sono regioni in cui la Dermatite atopica (DA) comincia a manifestarsi.

Dermatite da contatto o Dermatite da contatto allergica (ADC)

L’ADC è generalmente un caso che si sviluppa a causa del contatto o dell’uso di alcuni oggetti, per cui la pelle tende a sviluppare un’allergia. Il contatto con alcune sostanze chimiche può anche irritare la pelle, come detersivi, saponi, candeggina, nichel, gioielli, profumi, tabacco, ecc.

Anche il contatto o l’odore di alcune piante potrebbe scatenare reazioni allergiche. Per esempio, piante di partenio, edera velenosa, amarnath, crisantemo, ambrosia, piantaggine, piantaggine inglese e molte altre.

Eczema disidrotico

L’eczema disidrotico è una sensazione di bruciore o prurito associata a un’eruzione cutanea. Si chiama anche eczema della mano che si verifica su palmi, dita, piedi .

Neurodermatite

Questa è nota anche come lichene simplex chronicus che si sviluppa come una macchia spessa e squamosa sulla pelle, spesso causata da graffi e sfregamenti eccessivi. Questa condizione può anche essere paragonata alla psoriasi, a causa dell’eccessivo prurito al viso, alle braccia, alle ascelle, alle gambe, alla parte posteriore del collo, al cuoio capelluto, all’area anale e ai genitali.

La psoriasi tende a causare un prurito più lieve e, in alcuni tipi meno comuni, provoca una terribile sensazione di bruciore. L’eczema, invece, può portare a un intenso prurito che porta a graffi e sanguinamento“.

Dr.Millstein

dermatite

Eczema numerico

Questo è anche noto come eczema discoide che appare come lesioni e generalmente forma una forma. Tipicamente in una forma circolare o ovale che può accadere a causa di allergie della pelle o anche punture di insetti.

Dermatite seborroica

Questa è causata da una combinazione di genetica, ormoni e microrganismi. Ciò non è una condizione allergica e quindi colpisce il sistema immunitario.

Gli studi dicono che la dermatite seborroica appare come la dermatite atopica. Per questo motivo richiede una diagnosi dettagliata per determinare la causa e prescrivere un trattamento adeguato. Si aggiunge inoltre che questa condizione colpisce le persone con un sistema immunitario debole e un sistema nervoso che include alcune malattie come l’HIV e il Parkinson.

Dermatite da stasi

La dematite da stasi è una condizione che potrebbe essere causata da una scarsa circolazione sanguigna nelle vene. Se non si fa attenzione a questo tipo di dermatite può portare a gonfiori e a volte a perdite di liquidi. Le persone affette da vene varicose sono più inclini ad essere colpiti da questa condizione .

Cause dell’eczema

Gli studi dicono che le cause dell’eczema rimangono sconosciute, ma si ritiene che si sviluppino a causa di fattori genetici e ambientali. Da ricordare che in ogni caso l’eczema non è contagioso.

Quindi cosa causa l’eczema?

In primo luogo, i fattori genetici causano l’eczema nei neonati e nei bambini. Sono soggetti a tali condizioni a causa della storia familiare, anche se uno o entrambi i genitori hanno questa condizione medica.

In secondo luogo, anche i fattori ambientali possono provocare il deterioramento della pelle. Questo include l’uso di prodotti chimici come saponi e detergenti. Alcune persone potrebbero essere esposte a condizioni allergiche dovute al consumo di carne, verdura, piante o all’esposizione a polvere, animali domestici, punture di insetti, attacchi di batteri, microbi, virus, funghi, forfora, ecc.

Inoltre, gli squilibri ormonali nelle donne a causa della gravidanza o di cicli mestruali irregolari potrebbero anche scatenare sintomi da lievi a cronici di eczema.

Curiosità

  1. Secondo uno studio del 2012 che si è concentrato sulle visite al pronto soccorso per la dermatite atopica (AD) negli Stati Uniti, ha concluso che,

Il costo delle visite è aumentato significativamente da 86.865.154 dollari nel 2006 a 172.761.783 dollari nel 2012
Sembrano esserci grandi disparità sanitarie e socioeconomiche associate alle visite al pronto soccorso per l’AD.

  1. Secondo un importante studio del 2018 che ha condotto un’indagine a livello mondiale sulla prevalenza a 12 mesi della dermatite atopica (AD), fornisce nuove informazioni sulle tendenze globali della malattia. I risultati dello studio sono stati:

I tassi di prevalenza dell’AD variavano notevolmente da un Paese all’altro del mondo, oltre che per fasce d’età.
Il più alto tasso di malattia negli adulti è stato osservato in Cina. La Corea del Sud mostra i tassi più alti sia nei bambini che negli adolescenti. I tassi di AD più elevati nell’infanzia si sono verificati in Francia e nel Regno Unito.

cura della pelle

Prevenzione e rimedi

Hai presente il detto “prevenire è meglio che curare”? Grazie al filosofo olandese Desiderius Erasmus per aver coniato il principio fondamentale della buona salute!

Tuttavia, quando si tratta di curare le malattie della pelle,c’è bisogno di tempo, di pazienza e di coerenza. La cura dell’ambiente dove si vive e la cura di sé sono essenziali e devono diventare una pratica di vita.

Alcune buone pratiche lo sono:

  • Fare bagni tiepidi: nuovi studi raccomandano trattamenti innovativi come il trattamento che comprende tre bagni tiepidi al giorno, ciascuno seguito da un’applicazione di crema idratante topica e la fasciatura dell’area interessata con un impacco o una garza umida.
  • Mantenere la pelle idratata: Idratare prima e dopo ogni doccia è molto importante per mantenere la pelle sana.
  • Preferire tessuti naturali come il cotone che è traspirante ed evitare abiti aderenti.
  • Usare un sapone delicato per il bagno e la doccia.
  • Asciugare sempre molto delicatamente la pelle con un asciugamano, invece di strofinarela dopo la detersione.
  • Evitare l’esposizione ad un improvviso cambiamento di temperatura proteggendosi dal caldo e dal freddo.
  • Evitare di nuotare in piscine clorurate.
  • Se si ha la pelle sensibile, è sempre bene tenere le unghie corte per evitare che si formino cicatrici in caso di graffi da grattamento.

Creme e pomate da prescrizione

Oltre le misure di auto-cura, i dermatologi possono generalmente suggerire i corticosteroidi per l’eczema che controlla il riacutizzarsi, e gli inibitori della calcineurina che lavorano sul sistema immunitario. Possono frenare le eruzioni acute, ma hanno gravi effetti collaterali, quindi sono da usare preferibilmente solo se altri trattamenti falliscono.

Inoltre, l’assunzione di farmaci o oppiacei per ridurre il dolore o migliorare il sonno potrebbe portare ad ulteriori complicazioni. Prima di passare ai farmaci antidolorifici da banco è sempre meglio comprendere le prestazioni e la qualità dei farmaci antidolorifici, in modo da sapere cosa si va incontro.

cannabis come rimedio naturale

Il ruolo della cannabis in dermatologia

Sarebbe opportuno iniziare a discutere il ruolo della cannabis nel trattamento delle malattie della pelle con una citazione del Dr.Piffard (1842-1910), leader nello studio della dermatologia e fondatore della rivista di fama mondiale Jama Dermatology.

“una pillola di cannabis all’ora di andare a letto mi ha talvolta dato sollievo all’intollerabile prurito dell’eczema”.

Dr. Henry Granger Piffard

La scoperta del sistema endocannabinoide umano e dei recettori, ha aperto la strada all’inclusione dei fitocannabinoidi (presenti nella pianta di cannabis) e al suo potenziale per l’uso medicinale. Diversi studi hanno ruotato intorno alle applicazioni mediche della cannabis. I risultati chiave di questi studi hanno contribuito ad approfondire il valore terapeutico della Cannabis in dermatologia.

  • L’applicazione topica dei cannabinoidi ha inibito l’attivazione dei mastociti secondo uno studio. Il mastocita è responsabile del rilascio di istamina che causa prurito e infiammazione.
  • Secondo uno studio del 2019 la segnalazione cutanea dei cannabinoidi è profondamente coinvolta nel mantenimento dell’omeostasi cutanea, nella formazione di barriere e nella rigenerazione.
  • Il CBD si è dimostrato in grado di esercitare effetti antiacne complessi esercitando azioni anti-proliferative e antinfiammatorie, sopprimendo inoltre la proliferazione e la differenziazione dei cheratinociti umani ed esercitando potenti effetti antibatterici.
  • Secondo uno studio osservazionale, 3 casi di uso topico auto-iniziato del CBD in pazienti hanno riportato una guarigione più rapida, meno formazione di vesciche e un miglioramento del dolore. Ciò è dovuto all’attività antinfiammatoria del CBD, e il CBD potrebbe aver modulato positivamente anche il profilo di espressione della cheratina.
  • Allo stesso modo, in un altro studio, tre pazienti affetti da EB, a cui era stata prescritta una medicina sublinguale a base di cannabinoidi (CBM), comprendente THC e CBD, hanno riportato un miglioramento dei punteggi del dolore, una riduzione del prurito e una diminuzione dell’assunzione complessiva di farmaci analgesici.
  • Una ricerca sui cannabinoidi in dermatologia riporta la capacità del CB2 di mediare sia l’esagerazione che l’inibizione delle risposte infiammatorie nella dermatite allergica da contatto. Questo studio esamina diversi altri casi di pazienti con diversi tipi di eczema e altre diverse altre condizioni cutanee e l’applicazione terapeutica della cannabis medica per il trattamento.

Conclusioni

Riassumendo, possiamo dire che condizioni dermatologiche come l’eczema, la psoriasi, non sono pericolose per la vita, ma compromettono la qualità emotiva della vita.
L’immenso potenziale della cannabis medica nel trattamento dei disturbi della pelle è una buona notizia.

Tuttavia, questo settore richiede studi e ricerche su larga scala e di alta qualità, sia a livello clinico che non, per facilitare la sicurezza e l’efficacia.
Anche se questo articolo del blog è stato in grado di analizzare la letteratura sull’applicazione del CBD in dermatologia, la maggior parte degli studi si conclude con una domanda a risposta aperta. Quindi, questo definisce il gap di conoscenza esistente nel dominio della cannabis medica per varie condizioni terapeutiche e apre opportunità per ulteriori ricerche.

Lascia un commento