il glaucoma è uuna malattia molto diffusa
7 min read

Nel corso degli anni la cannabis è stata oggetto di esame da parte di molti governi. Molti paesi hanno reso la canapa legale e molti, purtroppo, non lo hanno ancora fatto. La pianta di canapa è legale in molti paesi perché la ricerca ha dimostrato che ha molti benefici per la salute. Il vantaggio principale della pianta di canapa è che ha una minore concentrazione di THC. Al posto del THC, la pianta di canapa ha una maggiore concentrazione di cannabinoidi che sono benefici per il corpo. Studi hanno dimostrato che il CBD presente nella pianta di canapa è in grado di guarire molte malattie, tra cui il glaucoma.

CBD un aiuto contor il glaucoma

Che cos’è il glaucoma?

Il glaucoma è una condizione che causa danni ai nervi ottici dell’occhio. Questa malattia si verifica quando c’è un fluido che si accumula nella zona anteriore dell’occhio. Questo fluido aumenta la pressione e gradualmente danneggia i nervi ottici.

Attualmente, il glaucoma tende ad essere ereditato di generazione in generazione. Spesso si manifesta in persone che hanno 60 anni e oltre. Se il danno persiste a lungo, può causare cecità permanente o perdita parziale della vista. La maggior parte dei pazienti che soffrono di glaucoma non hanno dolori o sintomi precoci. È importante vedere spesso un oculista, in modo da poter fare una diagnosi prima che si verifichi una perdita della vista a lungo termine.

  • Offerta di benvenuto
  • Noi di Nordic Oil vogliamo darti il benvenuto con un'offerta speciale dedicata ai nostri nuovi clienti.
  • Usa il codice "12NORDIC" per ottenere un immediato sconto del 12%.

Segni e sintomi del glaucoma

Alcuni sintomi e segni comuni includono una graduale perdita della visione periferica in entrambi gli occhi, visione a tunnel, forti dolori oculari, visione offuscata, vomito o nausea, occhi rossi e problemi visivi imprevisti, specialmente quando l’illuminazione è limitata.

Fattori di rischio per il glaucoma

Ci sono alcuni fattori di rischio per lo sviluppo del glaucoma, tra cui:
– vecchiaia
– background etnico (gli ispanici, gli asiatici orientali e gli afro-americani hanno maggiori rischi di sviluppare il glaucoma rispetto ai caucasici).
– ipotiroidismo
– diabete
– condizioni degli occhi
– lesioni
– chirurgia oculare
– miopia

Perchè usare il CBD per il trattamento del glaucoma?


Molti studi hanno dimostrato che i prodotti CBD contengono diversi componenti medicinali utili come il vaso-relaxant, che può aiutare ad aumentare il livello del flusso sanguigno oculare. Inoltre, è stato dimostrato che le proprietà antinfiammatorie forniscono un sollievo terapeutico per i sintomi comuni del glaucoma. Questo è il motivo per cui sempre più persone cercano di curarsi con i prodotti CBD.

Inoltre, molti pazienti soffrono spesso di sintomi inaspettati e scomodi come vomito, nausea e forti dolori. Pertanto, si rivolgono al trattamento con CBD principalmente perché questi prodotti contengono proprietà analgesiche e anti-nausea. Naturalmente, il consumo dipenderà dal tipo di stadio in cui sono con questa malattia.

Quali sono i vantaggi di usare il CBD per il glaucoma?

Molti studi hanno dimostrato che il CBD può aiutare ad alleviare la pressione intraoculare nell’occhio, alleviando così i sintomi e riducendo i danni.

In generale, il glaucoma danneggia gli occhi a causa dell’eccessivo rilascio di una sostanza chimica dannosa nota come glutammato. Questo composto porta alla morte dei neuroni nella retina dopo la formazione di perossinitrito. Molte ricerche scientifiche hanno dimostrato che i prodotti CBD possono prevenire la formazione di perossinitrito dannoso. Come risultato, fornirà la massima protezione per i nervi dei neuroni dalla morte cellulare indotta dal glutammato.

Oltre a minimizzare la morte cellulare, il CBD ha anche dimostrato di essere utile nel trattare alcuni fattori di rischio.

Il sistema endocannabinoide e il glaucoma

Tutti noi abbiamo un sistema endocannabinoide, che svolge un ruolo essenziale nell’infiammazione e nella neuroprotezione. In particolare, i recettori CB1 dei cannabinoidi nei tessuti oculari del nostro occhio che sono responsabili del controllo della pressione intraoculare. Pertanto, molti scienziati ritengono che l’uso di prodotti a base di cannabinoidi come il CBD avrebbe un effetto positivo sul sistema endocannabinoide e su questi recettori dei cannabinoidi. Infatti, i farmaci potrebbero potenzialmente ridurre la IOP e proteggere le cellule della retina.

Come posso usare il CBD per trattare il glaucoma?

Se usato correttamente, il CBD può essere una grande opzione per molte persone. Tuttavia, è importante ricordare che ogni persona è unica e la reazione di ognuno al CBD è diversa. Il dosaggio raccomandato per ogni prodotto può differire notevolmente, creando una certa confusione. Il dosaggio può essere diverso a seconda della percentuale di olio CBD che si sta utilizzando. In media, 25 mg di CBD al giorno è efficace per la maggior parte delle persone. Per i sintomi forti, il dosaggio può essere aumentato lentamente nel corso di una settimana fino a quando non si noti un miglioramento dei sintomi. Questo, naturalmente, è diverso per ogni paziente e dovrebbe essere monitorato. Per maggiori dettagli sul dosaggio, vedere il nostro post sul dosaggio del CBD.

Cosa dicono gli studi sull’uso del CBD per trattare il glaucoma?

Molti studi clinici e sperimentali sono stati implementati in tutto il mondo per trovare il legame tra CBD e glaucoma. Molti di questi hanno scoperto che il CBD e i prodotti a base di cannabis possono essere usati come approccio naturale per trattare questa patologia.

Per esempio, uno studio di un gruppo di professori dell’Università di Aberdeen, Regno Unito, aveva dimostrato come i composti cannabinoidi come il CBD possono alleviare i sintomi comuni del glaucoma. Questo si è verificato quando i cannabinoidi hanno ridotto con successo l’IOP e hanno offerto proprietà neuroprotettive.

Nel 1972, è stato implementato un altro studio, che ha trovato che l’assunzione di cannabis avrebbe ridotto la IOP del 30-35 per cento. Entrambi questi studi sottolineano che ogni paziente può potenzialmente trattare le proprie condizioni di Glaucoma attraverso il consumo di prodotti CBD.

Dall’inizio degli anni ’80, un paio di studi sono stati condotti negli Stati Uniti e in Europa sull’uso del CBD nei trattamenti del glaucoma. Molti di loro hanno dimostrato che diversi composti cannabinoidi come CBG, CBD, CBD, così come i cannabinoidi endogeni possono efficacemente abbassare la IOP quando somministrato topicamente. Ancora più importante, molti studi istologici presentano la parte diretta dei recettori oculari CB1 nella riduzione della IOP prodotta dai cannabinoidi.

Oggigiorno, molti oftalmologi raccomandano ai loro pazienti che usano prodotti CBD piuttosto che la cannabis stessa, in particolare per coloro che stanno sperimentando lo stadio medio-ultimo del Glaucoma. Sia il CBD che la Cannabis sono in grado di fornire effetti terapeutici, ma sono solo a breve termine.

UPDATE: il CBD puo’ aumentare la pressione all’interno dell’occhio

Un nuovo studio mette in dubbio i benefici del CBD nel trattamento del glaucoma. Potrebbe addirittura portare ad un peggioramento della malattia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16 + 7 =