13 min read
CBD per gli animali
3.5 (70.77%) 13 voti

Come usare il CBD per la cura degli animali domestici

Anni ed anni di ricerche hanno dimostrato inconfutabilmente che la cannabis possiede proprietà mediche. Per questo motivo anche i veterinari si sono dimostrati interessati ad utilizzare l’olio di CBD su cani e gatti visto che entrambi possiedono un sistema endocannabinoide capace di processare il cannabidiolo.

  • Offerta di benvenuto
  • Noi di Nordic Oil vogliamo darti il benvenuto con un'offerta speciale dedicata ai nostri nuovi clienti.
  • Usa il codice "12NORDIC" per ottenere un immediato sconto del 12%.

Usare il CBD sugli animali domestici è legale e comune nella maggior parte dei paesi e degli stati in USA. Così come per gli esseri umani, anche per gli animali esistono diverse formulazioni di CBD per curare diversi disturbi. Il CBD è il modo più naturale per trattare l’epilessia o l’artrite che affligge i nostri amici a quattro zampe. I benefici che si possono ottenere dal consumo di questa sostanza sono ampiamente maggiori ai rischi e per questo si tratta di una sostanza sicura e di una soluzione efficiente.

Vediamo quindi in che modo il CBD può dare beneficio ai nostri animali.

Cos’è il CBD?

Il cannabidiolo o CBD è una semplice tintura o estratto concentrato della pianta di cannabis. Ha un’alta concentrazione di CBD e bassa di THC, pertanto privo di effetti stupefacenti. Questi oli sono in genere ottenuti passando un solvente come il butano, l’olio di oliva, l’alcol, la CO2, e acqua ghiacciata sopra la pianta di cannabis matura.

Quando i solventi passano attraverso il gambo, e le foglie, estraggono o dissolvono i cannabinoidi, i tricomi, i terpeni e trattengono questi componenti nella soluzione. Questi solventi vengono poi fatti evaporare, lasciando un concentrato oleoso chiamato olio di CBD.

I prodotti a base di CBD sono sicuri?

È molto importante sottolineare che l’olio di CBD non è assolutamente psicotropo o stupefacente. Il che significa che i vostri animali non possono in alcun modo essere assuefatti da questa sostanza. Questo è forse il più grande vantaggio dell’olio di CBD: apporta tutti i benefici della pianta senza gli effetti stupefacenti tipici della marijuana.

Ora che abbiamo chiarito che cosa sia l’olio di CBD, vediamo in che modo il tuo animale domestico può trarne vantaggio.

Che animali possono trarre vantaggio dal CBD?

In generale, la maggior parte degli animali classificati come cordati (con la spina dorsale) possiedono un sistema endocannabinoide proprio come quello umano. Questo sistema gioca un ruolo fondamentale nell’assimilazione del cannabidiolo. Ciò significa che l’olio di CBD può essere utilizzato su quasi tutti gli animali domestici inclusi cani, gatti e persino cavalli.

Si può somministrare CBD ai pesci?

Sorprendentemente anche i molluschi, i pesci e gli anfibi possiedono un sistema endocannabinoide. Infatti la somministrazione di CBD per animali dovrebbe essere presa molto più seriamente in quanto possiede un gran potenziale medico e curativo.

Proprio come gli esseri umani, anche gli animali possono soffrire di svariati disturbi e malattie, sia mentali che fisiche. Molti studi scientifici hanno dimostrato che l’olio di CBD può avere effetti positivi ed alleviare svariati disturbi e malattie umane. COme abbiamo già detto, moltissimi animali posseggono un sistema endocannabinoide e pertanto sono in grado di assimilare il CBD proprio come l’uomo. Qui di seguito vedremo le ragioni per le quali utilizzare l’olio di cannabidiolo sugli animali domestici.

I benefici del CBD sugli animali


La depressione e l’ansia vengono causati da uno squilibrio dei componenti chimici nel cervello. I cani sono particolarmente soggetti a questo tipo di squilibri. Studi veterinari hanno dimostrato che il CBD può aiutare a normalizzare l’affluenza delle sostanze colpevoli di questi disturbi. Inoltre il CBD può interagire con la serotonina e l’adenosina, due recettori presenti nel cervello che ne garantiscono il buon funzionamento. In molti usano il CBD per aiutare i cani a superare l’ansia da separazione o l’ansia provocata dai fuochi artificiali o dai temporali. 

Vi sono evidenze scientifiche che dimostrano come il CBD abbia la facoltà di impedire alle cellule tumorali di crescere e svilupparsi. Sebbene gli studi fino ad ora sono stati condotti solo su topi e ratti, gli innumerevoli resoconti di medici ed esperti hanno riportato risultati promettenti. 

Le convulsioni sono disturbi nelle attività elettriche cerebrali che provocano un violento tremore. Le convulsioni, originando nel cervello, sono molto difficili da controllare. Svariati studi hanno dimostrato che l’uso di CBD può ridurre significativamente gli episodi convulsivi e la loro intensità anche nei nostri amici a quattro zampe.


Gonfiore e dolore nei cani e nei gatti vengono regolati dal recettore vanilloide presente nel cervello. Quando il CBD interagisce con questo tipo di neuroni, risulta efficace nell’impedire ai recettori di attivarsi e di mandare il segnale di dolore al corpo.


Ricerche hanno dimostrato che il CBD può diminuire la nausea e stimolare l’appetito attraverso un’interazione con svariati neuroni presenti nel cervello degli animali. Di conseguenza stimola l’animale a ricoverarsi da solo specialmente se affetto da malattie quali cancro o epilessia. Il corpo ha bisogno di essere nutrito per avere le forze di combattere qualsiasi malattia, e nel momento in cui non vengono somministrare sufficienti sostanze nutritive, si può andare incontro a seri problemi.

Effetti collaterali

Gli effetti collaterali dell’uso di CBD sugli animali domestici sono relativamente minimi e si verificano solo in alcuni casi estremi. I problemi più comunemnete riportati dai veterinari e medici sono letargia e sonnolenza. Tuttavia, la sonnolenza sembra essere in realtà un vantaggio per molti ptoprietari di cani. In media i cani dovrebbero infatti dormire 13 ore al giorno. Gli effetti collaterali più gravi verificatesi sono vomito e prurito, ma questi sono casi estremamente rari. 

Gli animali possono avere un’overdose da CBD?

In ogni caso è opportuno prestare particolare attenzione alla posologia della sostanza, poiché un’assunzione eccessiva di THC potrebbe nuocere alla salute di cani e gatti. Gli effetti collaterali di un’overdose possono durare da alcune ore ad un paio di giorni, a seconda di quanto olio di CBD in eccesso è stato somministrato. In questi casi è normale che l’animale perda l’appetito e non sia in grado di compiere azioni semplici come reggersi in piedi.

Nonostante molti padroni di cani e gatti dissentiranno, gli animali non sono in grado di comunicarci se si sentono ansiosi o quanto dolore provano. Perciò è importante osservare l’animale dopo aver assunto CBD e notare cambiamenti relativi all’appetito, al livello energetico, al comportamento e alle altre attività.

Se hai il sospetto che il tuo animale abbia un’overdose da CBD, sospendi immediatamente la somministrazione e portalo dal veterinario. Inoltre assicurati di monitorare a dovere in modo da evitare di ripetere l’errore.

I veterinari raccomandano il CBD?

Se sei intenzionato ad acquistare prodotti a base di CBD per il tuo animale, raccomandiamo un consulto con il veterinario. Non sconvolgerti se il tuo veterinario ti sconsiglia di utilizzare la cannabis per trattare il tuo animale. Nonostante gli studi scientifici presentino risultati promettenti, sono relativamente nuovi nel mondo della medicina. Il medico potrebbe non essere aggiornato alle ultime ricerche, pertanto accetta i suoi consigli, ma non demordere nel cercare la possibilità di usare il cannabidiolo. È importante trovare un veterinario di mentalità aperta e che conosce bene il prodotto. In generale possono offrire tutta la loro esperienza e conoscenza a riguardo per guidarti nella scelta più appropriata per il tuo caso.

Fai una ricerca individuale e parla con altri proprietari di animali per ricevere informazioni utili. Tieni a mente che gli effetti collaterali sono quasi nulli, pertanto non nuoce alla salute provare un po’ di CBD sul tuo cane o gatto. Se emergono strani effetti collaterali basta sospendere immediatamente.

È molto importante comprare un olio di CBD estratto da piante coltivate in maniera assolutamente biologica. Ciò garantisce l’assenza in modo assoluto di muffe, pesticidi, e metalli pesanti, che potrebbero risultare fatali per molti animali.

Qui, un video che dimostra che alcuni veterinari anche in Italia si stanno documentando e proponendo il cbd ai loro pazienti pelosi!

Come somministrare CBD agli animali

Il CBD viene solitamente somministrato agli animali per via orale, perciò inserendo le gocce direttamente all’interno della bocca del cane o gatto grazie all’aiuto del contagocce in dotazione. Tuttavia potrebbe essere un compito alquanto difficile.

Un modo molto gettonato per somministrare l’olio è mescolandolo al loro cibo. Assicurati di attendere qualche minuto perché l’olio venga assorbito. Il dosaggio consigliato è di una goccia di olio di CBD ogni 500g di cibo. Non mescolare il cannabidiolo con il pollame perché altererebbe l’equilibrio degli acidi grassi nel sistema digestivo.

Inoltre può essere utilizzata una siringa in plastica con la punta in silicone per somministrare la sostanza direttamente sulla lingua o nelle guance dell’animale. Per problematiche come piccole ferite, eruzioni cutanee e piaghe, può risultare più efficace l’applicazione di CBD come unguento o pomata.

Nel caso in cui tutti questi metodi falliscano, si può provare ad aggiungere le gocce d’olio direttamente nella ciotola dell’acqua. Bisogna però considerare questa opzione solo in casi estremi in quanto è molto probabile che le gocce d’olio vengano schizzate fuori e non ingerite.

Quanto CBD possono assumere i nostri amici a quattro zampe?

Come già accennato in precedenza, un’overdose da CBD può causare degli effetti collaterali e problemi agli animali. È molto importante far assumere una quantità adeguata di CBD; purtroppo però non si ha ancora a disposizione una raccolta di studi e ricerche specifiche sulla posologia per gli animali domestici.

La regola che viene spesso suggerita dai veterinari al momento è di somministrare una goccia ogni 4,5 kg di peso dell’animale. Ma prima di lanciarti nella somministrazione di questa sostanza, è opportuno avere un consulto da un veterinario esperto in materia. Se il veterinario non è al corrente di questo metodo naturale, potreste sollecitare una ricerca o perfino suggerire articoli a riguardo.

E se il mio veterinario sconsiglia il CBD?

Se decidessi di iniziare a dare l’olio di CBD senza l’approvazione del veterinario, qui di seguito abbiamo trascritto alcune linee guida suggerite da veterinari favorevoli al CBD.

Fate riferimento ai seguenti passaggi per somministrare CBD ai vostri animali domestici:

  • Iniziate con una goccia di CBD per ogni 4,5 kg di peso, una sola volta al giorno
  • Continuare con lo stesso dosaggio per una settimana
  • Aumentare il dosaggio a due volte al giorno
  • Continuare con lo stesso dosaggio per una settimana
  • Aumentare a 3 volte al giorno e mantenere costante per una settimana
  • Ovviamente potrete continuare ad aumentare in base alla necessità o diminuire, seguendo sempre lo schema soprastante. Come potete vedere non viene mai aumentato il numero di gocce, ma solo la frequenza di assunzione. Osservate qualsiasi reazione del vostro animale e aggiustate la frequenza in base al bisogno, fino a notare dei benefici alla salute e all’umore senza presentare effetti collaterali.

In sintesi

Moltissimi studi hanno dimostrato che la cannabis, nello specifico il CBD, offre innumerevoli vantaggi da un punto di vista medico per gli animali. È possibile utilizzare questa sostanza regolarmente per mantenere il proprio animale in salute e per alleviare l’ansia, il dolore, gli effetti del cancro o dell’epilessia.

Sebbene l’olio di CBD sia meno tossico per gli animali rispetto a molte altre medicine, è possibile sovradosare e causare effetti collaterali a cani o gatti. Prestando attenzione alla posologia invece, il vostro amico peloso resterà al vostro fianco più a lungo e in buona salute. 

Avvertenza

Le informazioni disponibili in questa pagina si basano su studi e ricerche, nonché su esperienze personali riportate dai consumatori di CBD.

Per trattare una condizione medica con prodotti a base di CBD è opportuno consultare sempre un operatore sanitario. Questi prodotti non sono intesi per diagnosticare, trattare, curare o prevenire alcuna malattia, disturbo o condizione. Qualsiasi informazione contenuta e resa disponibile sul nostro sito non è destinata ad essere utilizzata come sostituto di informazioni o assistenza sanitaria da parte di operatori sanitari autorizzati. Si prega di consultare un medico per quanto riguarda eventuali potenziali interazioni o complicazioni prima di utilizzare i nostri prodotti.

Comments

  1. Gio

    Ho iniziato in questi giorni a somministrare al mio cane gocce di cbd diluendole con un po di acqua in una siringa che poi gli inserisco nella bocca (ovviamente senza ago). Ma il nostro veterinario ci ha consigliato di dare una goccia per ogni kg. È forse troppo?

    1. admin Article Author

      Buongiorno Gio,

      Come scriviamo anche nell’articolo “CBD per gli Animali” la regola che viene spesso suggerita dai veterinari, al momento, è di somministrare una goccia ogni 4,5 kg di peso dell’animale.Le consigliamo di confrontarsi con il veterinario, sul perche’ vorrebbe aumentare il dosaggio.
      Grazie.

  2. metta salvatore

    Salve, il mio cane soffre di attacchi di epilessia, assume due tipi di farmaci vorrei sapere se si deve sospendere oppure no i due farmaci oppure si devono diminuire i dosaggi. Grazie

    1. admin Article Author

      Buongiorno Salvatore,

      il Cbd potrebbe interferire con l’efficacia di altri medicinali. Il nostro consiglio e’ di valutare con il veterinario come integrare il Cbd nella cura del suo cane.

      Grazie!

  3. maria claudia

    salve, happy è un bull terrier di 8 anni e mezzo, pesa sui 30 kg, ha delle eruzioni cutanee in questo momento particolarmente sotto le zampe e parecchio pus nelle orecchie, è stato curato in passato con medicinali convenzionali ma non possiamo somministrargli vita natural durante antibiotici, per lo più non si lascia curare, neanche si lascia mettere gocce nell’orecchio. Il veterinario per oscultarlo gli deve tirre una puntura con la cerbottana per addormentarlo. Gli sto somministrando gocce di cbd al 10% da alcuni giorni, primo giorno 1 goccia, secondo 2 goccie, siamo a 4 goccie diarie, 2 goccie in ciascun pasto a pranzo e cena (mangia unicamente riso integrale e pesce fresco) e non penso aumentare la dose. E sonnolente, aspettiamo speranzosi miglioramenti. Alcuna indicazione? grazie infinite

    1. admin Article Author

      Gentile Maria Claudia,

      secondo quanto ha scritto, sta procedendo nella maniera corretta, se vede che la sonnolenza risulta essere esagerata (ma tenga presente che i cani dovrebbero dormire almeno 13 ore) provi a ridurre la dose e mantenerla.
      Per uleriori info, per favore segua il link al nostro wiki sugli animali: https://nordicoil.it/wiki/cbd-per-gli-animali/ , qui troverà anche un nuovo video in italiano.

      Grazie per averci scritto e non esiti a contattarci nel caso ne avesse bisogno nuovamente.
      Il Team Nordic Oil

  4. Ivano capparelli

    X favore sto cercando Paws o Kana rescue x il mio peloso di 16 anni,prescritti dalla Vet ma nn li trovo neanche su Amazon ,,qualcuno sa dove posso trovarli? Grazie

    1. admin Article Author

      Buongiorno Ivano,
      non sappiamo consigliarti in merito a quello che chiedi, ma possiamo invitarti a provare i nostri prodotti Nordic Oil per il tuo amico peloso
      Le nostre capsule e i nostri oli sono studiati e formulati appositamente per cani e gatti. Dai un’occhaita qui
      Un saluto,
      Il Team Nordic Oil

  5. Antonio

    Buongiorno, ho un bassotto a pelo ruvido di 10 anni a cui è stato diagnosticato un carcinoma al fegato a febbraio. 

    I veterinari interpellati mi hanno sconsigliato l’intervento chirurgico e non mi hanno saputo dare alcuna speranza, anzi, mi hanno prospettato 3/6 mesi di vita.

    L’unico consiglio è stato di cambiare la dieta con dei prodotti hepatic.

    Così ho fatto anche se quello Royal Canin proprio non gli piaceva…ed ho optato per Prolife che adora.

    Leggendo in giro ho iniziato a dargli 4 gocce al giorno di olio di semi di canapa al 5% e una punta di cucchiaino di curcuma disciolta in un po’ di olio di cocco.

    Da allora, e siamo a Luglio inoltrato, il cagnolino sembra rinato, corre gioca, mangia con un appetito da lupi e non presenta sintomi evidenti che fino a due mesi fa sembravano terribili ed ormai irreversibili. 

    1. admin Article Author

      Buongiorno Antonio,

      grazie per aver condiviso la sua esperienza con noi .
      Crediamo però sia importante non fare confusione , l’olio di semi di canapa non e’ la stessa cosa dell’olio di CBD, essendo che tu parli di 5% pensiamo tu in realtà ti riferisca all’olio di CBD. Se non e’ un’olio studiato appositamente per gli animali ti consigliamo di dare un’occhiata qui: olio cbd per cani Il nostro prodotto e’ appositamente studiato per loro.

      Siamo contenti che il tuo amico peloso stia meglio per qualsiasi dubbio o domanda non esitare a contattarci ! Ci trovi anche a questa mail: info@nordicoil.it

      Cordialmente,
      il team Nordic Oil

  6. Barbara

    Buonasera il mio cane assume Fluoxetina da ormai 3 anni tutte le mattine per gravi problemi di ansua. Il mio veterinario mi ha consigliato di iniziare cbd solo la sera 3 gocce ma dopo la prima somministrazione ha manifestato ripetuto bisogno di urinare, agitazione ipermotricita’. Possono essere conseguenze di una interazione

    1. admin Article Author

      Salve Barbara,

      se non la già fatto, il primo consiglio è di consultare il suo veterinario sicuramente avendole consigliato il CBD saprà di eventuali interazioni con l’altro farmaco.
      Potrebbe provare a diminuire la dose, invece di 3 potrebbe provare a somministrare due gocce. Spesso con il CBD bisogna andar per gradi, ,inoltre dipende anche dal tipo di percentuale dell’ olio .

      Spero il suo cane possa trovare al più presto giovamento, sicuramente trovando il dosaggio a lui più adatto, sarà più facile notare miglioramenti.

      Se volesse sentire pareri di altri utenti può provare a iscriversi al nostro gruppo su facebook , dove gli utenti si possono scambiare consigli ed esperienze sull’uso dle CBD
      https://www.facebook.com/groups/385872132009013/

      grazie per averci scritto.

      Il Team Nordic Oil

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 − cinque =