9 min read
Vota questo post

La cannabis è stata sotto controllo da molti governi nel corso degli anni. Molti paesi hanno reso la canapa legale e altri, sfortunatamente
ancora no. La pianta di canapa è legale nella maggior parte dei paesi perché
è stato dimostrato apporti molti benefici nella nostra salute. La canapa ha il vantaggio inoltre di avere una minore concentrazione di THC, di conseguenza non ha le caratteristiche psicoattive che provocano lo sballo. Al posto del THC, la pianta di canapa ha una maggiore concentrazione di cannabinoidi che sono molto utili al funzionamento del corpo. Studi hanno dimostrato che il CBD presente nella canapa è in grado di alleviare molte malattie tra cui l’osteoporosi.

  • Offerta di benvenuto
  • Noi di Nordic Oil vogliamo darti il benvenuto con un'offerta speciale dedicata ai nostri nuovi clienti.
  • Usa il codice "12NORDIC" per ottenere un immediato sconto del 12%.

Secondo l’International Osteoporosis Foundation, l’osteoporosi colpisce circa 75 milioni di persone in Europa, Stati Uniti e Giappone. Si stima che questa patologia colpisca 200 milioni di donne in tutto il mondo – circa un decimo delle donne di 60 anni.

Cos’è l’osteoporosi?

L’osteoporosi, o “ossatura porosa”, è una condizione medica che fa perdere troppa massa ossea all’organismo. È la perdita di tessuti, con conseguente fragilità delle ossa. Ciò significa che i pazienti con osteoporosi hanno una
densità ossea ridotta. Questo li rende particolarmente inclini a fratture o altre lesioni. Nei casi peggiori, questa malattia potrebbe deformare le normali strutture fisiche e scatenare problemi come la deformità della colonna vertebrale.

Sintomi e cause

Sintomi

Di solito non ci sono molti sintomi nelle prime fasi dell’osteoporosi. Una volta che le ossa sono state indebolite, potresti avere segni e sintomi che includono:

  • Mal di schiena, causato da una vertebra fratturata o collassata
  • Perdita di altezza nel tempo
  • Una postura curva
  • Una frattura ossea che si verifica molto più facilmente del previsto

Fattori di rischio

Le donne hanno maggiori probabilità di sviluppare l’osteoporosi. Questo perché possono perdere rapidamente massa ossea nei primi due anni dopo la menopausa.

Altri fattori di rischio potrebbero includere:

  • Ghiandole surrenali iperattive
  • Tiroide iperattiva
  • Basso livello di ormoni sessuali
  • Uso di corticosteroidi per un lungo periodo
  • Problemi medici come condizioni infiammatorie o legate agli ormoni
  • Un Indice di Massa Corporea inferiore alla media
  • Bere e fumare molto
  • Uso frequente di farmaci che influiscono negativamente sulla forza ossea o sui livelli ormonali

Perché il CBD può funzionare per il trattamento dell’osteoporosi?

Negli ultimi decenni, i ricercatori hanno scoperto la presenza di alcuni recettori dei cannabinoidi come CB1 e CB2 nei tessuti ossei. Infatti, questi elementi giocano un ruolo essenziale per la salute dello scheletro.

Il CB2 è espresso prevalentemente in osteoclasti (cellule che le ossa riassorbono) e osteoblasti (cellule che formano le ossa). Questo tipo di recettore dei cannabinoidi è necessario per la regolazione del metabolismo osseo. Fisiologicamente, è importante mantenere un equilibrio tra gli osteoclasti e gli osteoblasti, per la salute ottimale delle ossa. Con l’avanzare dell’età, questo equilibrio viene compromesso, con conseguente rischio di sviluppare l’ osteoporosi.

Gli agonisti del CB2 come il CBD potrebbero essere usati per modulare le funzioni di questi recettori. Possono migliorare l’attività e il conteggio degli osteoblasti inibendo l’espressione degli osteoblasti e la proliferazione degli osteoclasti. Questi elementi possono anche stimolare la formazione di ossa endocorticali, sopprimere le perdite ossee e mantenere una massa ossea normale. I recettori CB1, invece, possono essere attivati per inibire una sostanza chimica nota come noradrenalina. Questo ultimo elemento potrebbe ritardare la formazione delle ossa, regolare il tasso di riassorbimento e portare altri problemi ossei.

Recenti studi hanno dimostrato che l’uso di oli CBD può avere effetti positivi su questi recettori, alleviando così i sintomi e rallentando la progressione dell’osteoporosi.

Quali sono i vantaggi dell’uso del CBD nel trattamento dell’osteoporosi?

Nel corso degli anni, gli studi hanno dimostrato che i prodotti di CBD hanno 2 benefici distinti nei trattamenti di osteoporosi. In primo luogo, modulerebbe negativamente i recettori CB2 e CB1, riducendo così la loro capacità di legarsi agli agonisti, un composto che li attiva. Questo è spesso chiamato l’effetto entourage, il che significa che il CBD aiuta a ridurre gli effetti di altri composti che fungono da stessi recettori cannabinoidi.

Inoltre, il CBD può inibire diversi enzimi come FAAH e aumentare gli effetti che essi eserciterebbero su questi recettori cannabinoidi. Come risultato di questi effetti, i ricercatori hanno suggerito che il CBD è efficace e utile nel ridurre i rischi dell’osteoporosi e migliorare la salute del sistema endocannabinoide all’interno delle ossa.

Il sistema endocannabinoide e l’osteoporosi

Il sistema endocannabinoide svolge un ruolo essenziale nella regolazione delle attività di osteoclasti e osteoblasti. Ciò significa che in caso di problemi in quest’area, potrebbero verificarsi diverse condizioni, tra cui l’osteoporosi. Ci sono anche prove per dimostrare che il sistema endocannabinoide potrebbe determinare lo sviluppo di una bassa massa ossea. In effetti, la mancanza dei recettori endocannabinoidi nel cervello è stata collegata a un più alto turnover delle ossa.

In sostanza, il tuo corpo potrebbe mantenere “in pensione” le vecchie cellule ossee senza produrne di nuove sufficienti per la sostituzione. Tuttavia, se questi recettori fossero stimolati con l’aiuto del CBD, è più probabile che le ossa mantengano la sua funzione anche dopo molti anni.

In generale, il sistema endocannabinoide consiste in recettori cannabinoidi attivati ​​da diversi elementi come il CBD. Gli endocannabinoidi sono fondamentalmente generati e degradati da alcuni tipi di enzimi, il che conferisce a questo sistema un ruolo nel controllo di alcune attività essenziali. Di conseguenza, un numero ridotto di recettori endocannabinoidi è legato allo sviluppo dell’osteoporosi.

Come posso usare la CBD per alleviare l’osteoporosi?

Gli oli CBD sono disponibili in varie forme e concentrazioni, tra cui olio di canapa liquido o denso, capsule, gomme o caramelle, sali, spray o gocce e vapori.

Come regola generale, il dosaggio dei prodotti CBD può variare molto in quanto non tutti hanno le stesse caratteristiche in termini di condizioni mediche e livello di intensità di queste condizioni. Queste sono solo indicazioni informative. In generale, è consigliabileiniziare con piccole dosi per poi aumentare gradualmente fino ad ottenere i risultati desiderati.

È importante ricordare che ogni persona è diversa e diverse possono essere di conseguenza le risposte derivate dall’uso di CBD. Il dosaggio raccomandato da ciascun prodotto può essere molto diverso, creando confusione. Il dosaggio può essere diverso a seconda della percentuale di olio di CBD che si sta utilizzando. In media, 25 mg di CBD al giorno sono efficaci per la maggior parte delle persone. Per i sintomi forti, aumentare la dose lentamente per una settimana. Questo, ovviamente, è diverso per ogni paziente. Per maggiori dettagli sul dosaggio, consulta il nostro post sul dosaggio CBD.


Che cosa dicono gli studi sull’uso del CBD per l’osteoporosi?

Un recente studio condotto da scienziati francesi ha suggerito che le ossa umane hanno un livello più elevato di endocannabinoidi e ligandi rispetto alle cellule cerebrali. Inoltre, un cannabinoide generato naturalmente nel nostro corpo chiamato anandamide potrebbe avere un effetto sui tessuti ossei. L’anandamide aiuta a legarsi a quei recettori CB2. Hanno anche sottolineato che il CBD può imitare l’anandamide, influenzando così positivamente la salute delle ossa in quelle persone che soffrono di osteoporosi.

Un altro studio di Idris Al si è concentrato sulla parte importante dei recettori dei cannabinoidi nel trattamento dell’osteoporosi. I risultati hanno suggerito che il CBD potrebbe influenzare il metabolismo osseo e i ligandi. Pertanto, questi prodotti possono essere utilizzati per problemi alle ossa in quanto potrebbero essere applicati per sfruttare i recettori dei cannabinoidi per il targeting della terapia anabolica e anti-riassorbimento.

Uno studio pubblicato nel 2015 dal ricercatore Kogan Niemand ha scoperto che quando i topi venivano trattati con olio di CBD, i carichi massimi sulle loro ossa aumentavano significativamente. Inoltre, scoprì che il CBD poteva accelerare il processo di guarigione delle fratture o delle ossa rotte.

Avvertenza

Le informazioni messe a disposizione in questa pagina si basano su studi e ricerche nonché su esperienze degli utenti di CBD.

Per qualsiasi tipo di patologia consultare sempre un medico prima di assumere CBD. Questi prodotti non sono intesi per diagnosticare, trattare, curare o prevenire alcuna malattia, disturbo o condizione della pelle. Qualsiasi informazione contenuta sul nostro sito Web non costituisce una alternativa nè sostituisce la consulenza sanitaria o le informazioni fornite dagli operatori sanitari autorizzati. Si prega di consultare il vostro medico per quanto riguarda eventuali interazioni o complicazioni prima di utilizzare i nostri prodotti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici + venti =