CBD terapia del dolore: cosa dice la scienza?

CBD terapia del dolore: cosa dice la scienza?

Volete sapere se l'olio di CBD può aiutare contro il dolore e state cercando un rimedio naturale come integratore o alternativa agli antidolorifici convenzionali?

In questo articolo esploreremo come il cannabidiolo può aiutare, sulla base di studi medici e testimonianze.

Che cos'è l'olio di CBD?

Molte persone confondono il principio attivo cannabidiolo con il tetraidrocannabinolo (THC), che si trova anche in altre varietà di cannabis. Per quanto riguarda l'effetto, c'è una chiara differenza. Il CBD non provoca sballo e quindi non crea dipendenza.

Per questo motivo, i prodotti con questo principio attivo vegetale possono essere venduti liberamente anche in Germania e sono legali!

Il prodotto più popolare è l'olio di CBD, che è facile da usare e può provocare molti effetti positivi nel corpo umano. Potete scoprire quali sono nella sezione seguente.

Effetto: come funziona il cannabidiolo per il dolore?

È stato concluso che nel corpo umano la sostanza vegetale agisce sotto l'influenza del sistema endocannabinoide [1].

Questo sistema è responsabile, tra l'altro, della regolazione del sonno e della funzione nervosa (modalità d'azione del CBD).

Costituito dalle sostanze messaggere dell'organismo e dai recettori associati, questo sistema rischia di squilibrarsi e di causare problemi.

In questo caso, il CBD può agire come cannabinoide sui recettori CB1 e CB2, contribuendo così a mantenere l'equilibrio e il funzionamento ottimale.

Effetto del CBD sul dolore cronico

Tenendo conto di quanto sopra, il CBD può avere un possibile effetto sull'organismo. In uno studio del 2018 [2], è stato suggerito che il CBD può aiutare a contrastare il dolore grave.

Per chi soffre di dolore cronico, questo può significare che l'uso di integratori di cannabidiolo può dare sollievo!

Il CBD può aiutare con il mal di schiena?

Quasi tutti hanno sperimentato un qualche tipo di mal di schiena. La parte bassa della schiena è quella più comunemente colpita: il dolore, come la maggior parte degli altri dolori alla schiena, è scatenato dall'uso eccessivo e dall'indebolimento dei muscoli della schiena. Questi crampi, ad esempio, sono dovuti a una postura seduta scorretta e possono trasformarsi in dolore cronico se lo squilibrio si protrae nel tempo.

In base alle scoperte mediche sulle proprietà antidolorifiche e analgesiche del CBD,[6][7] i pazienti possono scegliere di utilizzarlo come trattamento complementare del mal di schiena. 

Artrite

La malattia associata a forti dolori articolari è spesso causata dall'infiammazione delle articolazioni.

Uno studio recente [3] ha suggerito che il CBD ha effetti antinfiammatori, che possono essere applicati al trattamento dell'artrite. 

Sindrome delle gambe senza riposo

Questa malattia, che in rari casi è simile alla spasticità, si riferisce a un disturbo del movimento. È associata a insensazioni e a un impulso involontario a muovere le braccia e le gambe. A volte si arriva a movimenti incontrollabili.

L'uso del CBD in relazione a questa condizione nervosa è già stato affrontato in studi recenti. In alcuni dei soggetti partecipanti a uno studio del 2016 [4], è stata osservata una riduzione delle contrazioni muscolari involontarie dopo l'assunzione della sostanza vegetale.

Emicranie e mal di testa

In rete si trovano continue testimonianze di consumatori di CBD che ritengono che il CBD contribuisca ad alleviare i loro mal di testa ed emicranie.

Devono essere condotte ulteriori ricerche per confermarlo, ma la maggior parte degli utenti è convinta di queste esperienze. 

Il CBD può aiutare a contrastare il dolore da cancro?

La ricerca nel campo del cancro è intensa e varia. In un primo studio sull'uomo con la somministrazione di cannabidiolo [5], è stata fatta una scoperta sorprendente.

In alcuni pazienti è stata osservata una riduzione delle dimensioni dei tumori. Questo dà ragione di credere che l'uso del rimedio erboristico nella terapia del cancro sia concepibile. Tuttavia, occorre essere cauti. Sono necessarie ulteriori ricerche per fare una dichiarazione informata.

Il cannabidiolo aiuta la spasticità associata alla sclerosi multipla?

Una revisione della letteratura suggerisce [8] che "il CBD e altri cannabinoidi non sono attualmente pronti per indicazioni formali come farmaci (...) ad eccezione di (...) CBD in combinazione con THC per il trattamento della spasticità associata alla sclerosi multipla".

Ciononostante, in rete si trovano numerose testimonianze di utenti che parlano della loro esperienza nel trattamento del dolore da SM con il CBD. 

Il CBD ha effetti collaterali indesiderati?

La prima cosa da dire è che gli effetti collaterali sono rari e deboli quando si assume cannabidiolo.

Possono verificarsi i seguenti effetti collaterali:

  • Reazioni allergiche
  • Perdita di appetito
  • Secchezza della mucosa orale
  • sensazione di stanchezza e affaticamento
  • calo della pressione sanguigna
  • problemi digestivi

Con alcuni farmaci si evidenzia il rischio di una possibile interazione negativa con l'ingrediente vegetale CBD. Ne sono un esempio il diazepam o l'omeprazolo. In questo caso è consigliabile una visita dal medico.

Leggete la nostra guida sugli effetti collaterali del cbd e come affrontarli.

Inoltre, le donne incinte, i bambini e le persone gravemente malate dovrebbero astenersi dal consumare CBD.

Quali prodotti a base di CBD per il dolore sono disponibili sul mercato?

La domanda da porsi è: "Quale prodotto aiuta meglio contro il dolore?". Di seguito ne riportiamo un elenco.

  • Olio di CBD: si può ingerire direttamente o sciogliere in una bevanda. Agisce rapidamente e, a nostro avviso, è ideale per il dolore.
  • Unguenti e creme: Sono adatti per uso esterno, ad esempio per i dolori articolari.
  • Spray per bocca e nasali: Il CBD presente in questi prodotti arriva direttamente alle mucose e quindi svolge rapidamente il suo effetto.
  • Capsule: Vengono sciolte nello stomaco. In questo modo il principio attivo entra nel sangue. 

A questo proposito è opportuno sottolineare due punti. A seconda del tipo di applicazione, il sapore del CBD e la durata dell'effetto varia.

Tuttavia, oltre al tipo di ingestione, è necessario considerare anche la dose corretta per provare un'esperienza positiva con il CBD. Ne saprete di più nella prossima sezione!

Dosaggio: Quanto CBD dovrei assumere per i dolori lievi e forti?

La prima cosa da notare è che è molto improbabile andare in overdose di cannabidiolo! Tuttavia, ciò non esclude la possibilità che, assumendo una quantità eccessiva di principio attivo, si possano verificare gli effetti negativi sopra menzionati.

Intensità

Spiegazione

Dosaggio

Dolore lieve    

Per i dolori non troppo forti, il CBD può essere un sostituto degli antidolorifici sintetici.    

    

Olio di CBD al 5%, tre gocce al mattino e tre gocce alla sera; la dose può essere aumentata a cinque gocce.


Dolore grave    

In questo caso, l'approccio sistematico è il migliore. Aumentare lentamente la dose fino a raggiungere l'effetto desiderato in assenza di effetti collaterali.

Olio di CBD al 15%, tre gocce al mattino e tre gocce alla sera per due settimane, cinque gocce tre volte al giorno a partire dalla terza settimana.

Qual è la conclusione?

In conclusione, da parte della scienza, l'uso medico del CBD è concepibile e molti utenti privati hanno già avuto esperienze positive con questo agente erboristico.

Alla luce di questi riscontri positivi e degli effetti collaterali quasi inesistenti, riteniamo che una terapia per il dolore con l'aiuto del cannabidiolo valga sicuramente la pena di essere provata!

Avete già fatto esperienze con il CBD? Allora sentitevi liberi di lasciare una testimonianza nella colonna dei commenti!

Riferimenti

Torna al blog

Lascia un commento

Si prega di notare che, prima di essere pubblicati, i commenti devono essere approvati.